Francesco Gonzaga (1546-1620)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Francesco Gonzaga (disambigua).
Venerabile Francesco Gonzaga, O.F.M.
BishopCoA PioM.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Annibale Fantino
Venerabile

31.jpg

Soli Deo Honor et Gloria
Titolo
Età alla morte 73 anni
Nascita Gazzuolo
31 luglio 1546
Morte Mantova
11 marzo 1620
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione 1562
Professione religiosa 29 maggio 1563
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Toledo, settembre 1570
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 15 novembre 1587
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da
Venerabile il 27 luglio 1956, da Pio XII
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza [[]]
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Venerabile Francesco Gonzaga, al secolo Annibale Fantino (Gazzuolo, 31 luglio 1546; † Mantova, 11 marzo 1620) è stato un vescovo italiano. Di nobili origini, nel 1579 divenne il cinquantaseiesimo ministro generale dell'Ordine dei Frati Minori, poi vescovo di Cefalù, Pavia e Mantova.

Cenni biografici

Nacque il 31 luglio 1546 a Gazzuolo, presso Mantova, figlio di Carlo, marchese di Gazzuolo, e di Emilia Cauzzi-Gonzaga Boschetti. La coppia ebbe dieci figli sette maschi e tre femmine. Tra essi il fratello maggiore Scipione, intrapresa la carriera ecclesiastica, divenne patriarca di Gerusalemme e cardinale. Alla morte del padre nel 1555, la numerosa famiglia ebbe per tutori lo zio cardinale Ercole Gonzaga e don Ferrante il fratello maggiore.

Inviato nelle Fiandre alla corte di Filippo II per essere avviato alla carriera militare, ebbe modo di seguire il re in Spagna dove invece maturò la sua vocazione religiosa. Decise di entrare nell'Ordine dei Frati Minori, e ottenuto il permesso dal cardinale tutore il 17 maggio 1562 ricevette il saio francescano da Bernardo de Fresneda, vescovo di Cuenca e confessore di Filippo II, assumendo il nome di Francesco. Completati gli studi ad Alcalà nel settembre del 1570 fu ordinato sacerdote a Toledo, tornò in Italia per dedicarsi all'insegnamento della teologia non senza ricoprire incarichi di responsabilità all'interno della famiglia francescana della Provincia veneta di cui fu Ministro Provinciale. Nel 1579, a soli 33 anni, fu eletto Ministro Generale dell'Ordine dei Frati Minori e come tale si dedicò alla redazione di nuove costituzioni che permettessero ai Frati Minori di accogliere gli insegnamenti del Concilio di Trento.

Nel 1580 iniziò la visita alle province, dando principio a una serie di viaggi attraverso i conventi d'Italia, Francia, Spagna, Fiandre e buona parte della Germania. Nel 1581 affrontò il problema della riforma del grande convento di Parigi, che godeva d'uno statuto speciale. Il 3 agosto di quell'anno annullò tutti gli incarichi e nominò superiore Pierre Bourguignon, dottore dell'Università di Parigi. Il 27 aprile 1582 promulgò da Firenze gli statuti per le clarisse e terziarie d'Italia, contenenti in buona parte le ordinazioni emanate dai suoi predecessori e le norme stabilite dai capitoli generali. Si recò poi a Milano, dove probabilmente presiedette il capitolo provinciale e incontrò il Borromeo. Continuò il viaggio fino a Parigi, dove completò l'opera di riforma del convento con l'emanazione di nuovi statuti.

Dalla Francia proseguì il viaggio verso la penisola iberica. In Portogallo visitò la custodia dei francescani conventuali e col permesso del re li incorporò alle province osservanti. Inviò venti religiosi nelle Filippine, tredici in Cina e, con lettera del 13 marzo 1584, sei in Brasile, dove eresse una nuova custodia presieduta da Melchiorre di santa Caterina, della provincia portoghese. Insieme istituì la custodia di Malacca, con a capo Diego della Concezione. In Spagna presiedette una riunione generale a Toledo, che emanò statuti di riforma per i frati e le monache di Spagna e delle Indie.

Dalla fine del 1587 fu vescovo di Cefalù, impegnato nell'applicazione dei decreti tridentini prima di essere trasferito alla sede di Pavia. La sua famiglia lo volle invece vescovo della loro città; così per 27 anni, dal 1593 fino alla morte, fu guida e pastore della diocesi di Mantova per la quale organizzò sei sinodi.

Nel 1594 modificò un'ala del palazzo episcopale in modo da potervi ospitare il seminario per la formazione dei sacerdoti. Notevoli furono gli interventi per il restauro e la decorazione interna del Duomo cittadino.

Morì a Mantova l'11 marzo 1620, dopo una malattia di circa cinque mesi. Fu deposto nella cattedrale, nel sepolcro che si era fatto predisporre presso l'altare maggiore.

Culto

Pochi anni dopo la morte fu avviata la causa di beatificazione che presto si arenò. Il 13 luglio 1904 fu ripreso il processo che ottenne l'approvazione di Papa Pio XII il 27 luglio 1956.


Predecessore: Ministro generale dell'Ordine dei Frati Minori Successore: Assisi BasilicaInf.S.Francesco Cimabue S.Francesco 1280.jpg
Christopher de Chaffontaines (1579 - 1587) Francesco da Tolosa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Christopher de Chaffontaines {{{data}}} Francesco da Tolosa
Predecessore: Vescovo di Cefalù Successore: BishopCoA PioM.svg
Ottaviano Preconio 1587 - 29 gennaio 1593 Nicolò Stizzia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ottaviano Preconio {{{data}}} Nicolò Stizzia
Predecessore: Vescovo di Pavia Successore: BishopCoA PioM.svg
Alessandro Sauli 29 gennaio 1593 - 30 aprile 1593 Guglielmo Bastoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Sauli {{{data}}} Guglielmo Bastoni
Predecessore: Vescovo di Mantova Successore: BishopCoA PioM.svg
Alessandro Andreasi 30 aprile 1593 - 2 marzo 1620 Vincenzo Agnello Suardi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Andreasi {{{data}}} Vincenzo Agnello Suardi
Bibliografia
  • Silvano Giordano, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 57 (2001) online
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.