Pier Luigi Carafa juniore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Pier Luigi Carafa (1677-1755))
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando gli omonimi ecclesiastici, vedi Pier Luigi Carafa.
Pier Luigi Carafa
CARAFA PIER LUIGI JR.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Carafa P.L..JPG

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 78 anni
Nascita Napoli
4 luglio 1677
Morte Roma
15 dicembre 1755
Sepoltura Basilica di Sant'Andrea delle Fratte (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 16 febbraio 1713
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 27 marzo 1713 da papa Clemente XI
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 2 aprile 1713 dal Cardinal Francesco Pignatelli
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
20 settembre 1728 da Benedetto XIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Pier Luigi Carafa o Pierluigi detto juniore (Napoli, 4 luglio 1677; † Roma, 15 dicembre 1755) è stato un cardinale, arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Pier Luigi nacque a Napoli il 4 luglio 1677 da Francesco, principe di Belvedere e marchese di Anzi, e dalla moglie Giovanna Oliva nata Grimaldi, dei principi di Gerace.

Fu avviato dapprima agli studi legali, con laurea in utroque iure ottenuta alla Sapienza il 19 ottobre 1694. Come cadetto fu destinato alla carriera ecclesiastica. Grazie ai vincoli di parentela che lo legavano al pontefice Innocenzo XII divenne cameriere segreto del papa e il 1º aprile 1699 referendario delle due Segnature. Il 19 luglio 1701 Clemente XI lo destinò alla vicelegazione di Urbino, dove ebbe di fatto il governo per quasi tre anni durante l'assenza del cardinale legato Marcello d'Aste. Due anni dopo gli fu assegnato il governatorato di Camerino e nel 1705 fu trasferito con la medesima carica ad Ancona.

Nel 1708 fu richiamato a Roma per ricoprire l'ufficio di chierico della Camera apostolica. Nell'ottobre 1711 con il titolo di maggiordomo accompagnò il cardinale Giuseppe Renato Imperiali, legato a latere a Milano per incontrare l'imperatore Carlo VI che tornava dalla Spagna. Frattanto nella Camera apostolica il Carafa aveva avuto l'incarico di presidente delle Strade. Ormai destinato ad alti incarichi, nel 1713 fu ordinato sacerdote e preconizzato arcivescovo titolare di Larissa. Ricevette la consacrazione episcopale il 2 aprile dalle mani del cardinale arcivescovo di Napoli Francesco Pignatelli e il 20 luglio fu destinato a reggere la nunziatura di Firenze, in sostituzione di mons. Gerolamo Archinto.

Fu impegnato per lungo tempo a risolvere una controversia con l'ambasciatore francese, per il consueto problema delle precedenze. Nei primi mesi del 1715 fu incaricato dalla segreteria di Stato di richiedere al granduca di unire la sua flotta a quella pontificia per appoggiare la Repubblica di Venezia nella guerra contro i Turchi. Cosimo III dapprima fece delle difficoltà in quanto poteva disporre soltanto di due galere poi, di fronte alle insistenze del Carafa, il 16 aprile 1715 acconsentì alle unità navali toscane di salpare per Corfù.

Fu nominato segretario della Congregazione di Propaganda Fide il 12 aprile 1717 e lasciò Firenze il 27 maggio. A Roma, durante i sette anni in cui ricoprì questa carica, si trovò a fronteggiare due gravi problemi dei paesi di missione: la secessione dei giansenisti della Chiesa di Utrecht e la disobbedienza dei missionari gesuiti alle decisioni papali intorno ai cosiddetti riti cinesi.

Forse per la sua eccessiva durezza nel trattare questi problemi, in particolare quello che toccava i gesuiti in Cina, alla morte di Innocenzo XIII nel 1724 fu trasferito alla segreteria della congregazione per i Vescovi e i Regolari. Elevato alla porpora cardinalizia da Benedetto XIII nel concistoro del 20 settembre 1728 con il titolo presbiterale di san Lorenzo in Panisperna il 15 novembre seguente, il Carafa fu assegnato alle Congregazioni dei Vescovi e regolari, di Propaganda Fide, dell'Indice e della Disciplina dei Sacramenti.

Non giocò alcun ruolo nel conclave del 1730. Ricopri la carica di camerlengo del Sacro Collegio nell'anno 1737-1738. Frattanto nel 1737 aveva optato per il titolo di santa Prisca. Il 26 gennaio 1739 fu nominato cardinale protettore dell'Ordine camaldolese. Nel conclave del 1740, guadagnato dal partito guidato dal cardinale Neri Corsini, sostenne la candidatura di Pompeio Aldrovandi, ma alla fine prevalse la candidatura Prospero Lorenzo Lambertini che divenne papa con il nome di Benedetto XIV. Questi lo creò vescovo di Albano nel 1740 e l'8 febbraio 1741 fu chiamato a far parte della ricostituita congregazione cardinalizia incaricata di vigilare su tutti gli istituti dipendenti da Propaganda Fide. Al Carafa in particolare fu affidata la sorveglianza sui collegi di Dillingen, Fulda e San Pietro in Montorio. Nel 1751 come vice decano optò per la sede suburbicaria di Porto e Santa Rufina e nel 1753 divenuto decano prese quella di Ostia e Velletri.

Morì a Roma il 15 dicembre 1755 e fu sepolto nella cappella di san Francesco di Sales nella Basilica di Sant'Andrea delle Fratte.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Larissa di Tessaglia Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Giovanni Battista Anguisciola 27 marzo 1713 - 20 settembre 1728 Troiano Acquaviva d'Aragona I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Anguisciola {{{data}}} Troiano Acquaviva d'Aragona
Predecessore: Nunzio apostolico nel Granducato di Toscana Successore: Emblem Holy See.svg
Girolamo Archinto 20 luglio 1713 - 12 aprile 1717 Carlo Gaetano Stampa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Archinto {{{data}}} Carlo Gaetano Stampa
Predecessore: Segretario della Congregazione di Propaganda Fide Successore: Emblem Holy See.svg
Antonio Banchieri 12 aprile 1717 - 20 novembre 1724 Bartolomeo Ruspoli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Banchieri {{{data}}} Bartolomeo Ruspoli
Predecessore: Segretario della Congregazione dei Vescovi e Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Vincenzo Petra 20 novembre 1724 - 20 settembre 1728 Antonio Saverio Gentili I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vincenzo Petra {{{data}}} Antonio Saverio Gentili
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Panisperna Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Cozza, O.F.M. 15 novembre 1728 - 16 dicembre 1737 Vincenzo Bichi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Cozza, O.F.M. {{{data}}} Vincenzo Bichi
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Leandro di Porcia, O.S.B.Cas. 11 febbraio 1737 - 27 gennaio 1738 Francesco Scipione Maria Borghese I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Leandro di Porcia, O.S.B.Cas. {{{data}}} Francesco Scipione Maria Borghese
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prisca Successore: CardinalCoA PioM.svg
Luis Belluga y Moncada, C.O. 16 dicembre 1737 - 16 settembre 1740 Silvio Valenti Gonzaga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luis Belluga y Moncada, C.O. {{{data}}} Silvio Valenti Gonzaga
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lodovico Pico della Mirandola 16 settembre 1740 - 15 novembre 1751 Giovanni Battista Spinola I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lodovico Pico della Mirandola {{{data}}} Giovanni Battista Spinola
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Annibale Albani 15 novembre 1751 - 9 aprile 1753 Raniero d'Elci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Annibale Albani {{{data}}} Raniero d'Elci
Predecessore: Sottodecano del Collegio Cardinalizio Successore: Sede vacante.svg
Annibale Albani 15 novembre 1751 - 9 aprile 1753 Raniero d'Elci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Annibale Albani {{{data}}} Raniero d'Elci
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore: CardinalCoA PioM.svg
Tommaso Ruffo 9 aprile 1753 - 15 dicembre 1755 Raniero d'Elci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Ruffo {{{data}}} Raniero d'Elci
Predecessore: Decano del Collegio Cardinalizio Successore: Sede vacante.svg
Tommaso Ruffo 9 aprile 1753 - 15 dicembre 1755 Raniero d'Elci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Ruffo {{{data}}} Raniero d'Elci
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.