Lodovico Pico della Mirandola

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Lodovico Pico della Mirandola
Pico Della Mirandola Lodovico (1668-1743).jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

800px-Ritratto di Lodovico Pico della Mirandola.png.jpg

Pier Leone Ghezzi Ritratto del cardinale Lodovico, (Sothebys)
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 74 anni
Nascita Concordia
9 dicembre 1668
Morte Roma
10 agosto 1743
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 10 giugno 1706
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 11 luglio 1706 dal card. Fabrizio Paolucci
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 settembre 1712 da Clemente XI (18 maggio 1712 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Lodovico Pico della Mirandola o Ludovico (Concordia, 9 dicembre 1668; † Roma, 10 agosto 1743) è stato un patriarca, cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Lodovico nacque a Concordia, nella diocesi di Reggio Emilia, il 9 dicembre 1668 da Alessandro II, signore del piccolo ducato indipendente di Mirandola e Concordia, e da Anna Beatrice d'Este, figlia di Alfonso III, duca di Modena, ottavo dei nove figli del duca e ultimogenito maschio della famiglia, dopo Francesco (1661-1689), Galeotto (1663-1710) e Giovanni (1667-1723).

A corte compì i primi studi sotto la guida del padre somasco Leonardo Bonetti e poi del frate minore Fulvio Tangerini da Cento, teologo dei Pico e diplomatico al servizio del duca. Fu avviato alla carriera ecclesiastica mentre i fratelli maggiori proseguivano le tradizionali attività militari e politiche della famiglia. Ottenuto il dottorato in utroque iure, ottenne le insigne clericali il 1º novembre 1683.

All'inizio degli anni Novanta alla morte del padre il ducato passò al giovanissimo nipote Francesco Maria II (1688-1747), figlio di suo fratello Francesco, sotto la reggenza della prozia Brigida (1633-1720). A lui e ai suoi fratelli fu riconosciuta una piccola rendita che non soddisfò la famiglia.

I tre reagirono impugnando il testamento presso il tribunale imperiale, ma, nel 1693, furono imputati dalla reggente di tentato avvelenamento ai danni del piccolo Francesco Maria e furono costretti all'esilio a Bologna. Su consiglio del cardinale Rinaldo d'Este, Lodovico si recò a Vienna per patrocinare le proprie ragioni presso l'imperatore Leopoldo I d'Asburgo e, nell'aprile 1697, il tribunale imperiale scagionò i tre fratelli dall'accusa. A Mirandola si formò una coreggenza di Brigida Pico e Rinaldo d'Este, ma ai fratelli fu però comandato di vivere lontano dal Ducato di Mirandola, per non turbare gli equilibri politici faticosamente raggiunti.

Lodovico si trasferì a Roma, dal 21 maggio 1699 divenne prelato domestico di Sua Santità e chierico della camera apostolica. Il 7 giugno 1706 fu nominato prefetto del casa pontificia ricevendo poco dopo il suddiaconato. Ancora quell'anno fu nominato patriarca titolare di Costantinopoli, con dispensa pontificia per non aver ancora preso gli ordini sacri. Fu consacrato l'11 luglio nella chiesa romana di san Ignazio, dal cardinale Fabrizio Paolucci, coadiuvato da mons. Giuseppe Vallemani, allora arcivescovo titolare di Atene e da mons. Ulisse Giuseppe Gozzadini, allora arcivescovo titolare di Teodosia. Divenne assistente al trono pontificio e prefetto del Palazzo Apostolico dal 24 ottobre 1707. In quello stesso anno fu nominato, per un triennio, governatore di Castel Gandolfo.

Nel 1708, la famiglia Pico fu deposta dalle truppe imperiali a causa della loro alleanza con la Francia durante la guerra di successione spagnola e il Ducato di Mirandola cessò di esistere come Stato autonomo. La fine della signoria dei Pico e il passaggio di Mirandola agli Este spinsero Pico a rivendicare, con alterna fortuna, una serie di beni di famiglia, che solo in parte riuscì a ottenere.

Fu creato cardinale in pectore nel concistoro del 18 maggio 1712 e pubblicato nel successivo concistoro del 26 settembre. Il 21 novembre ricevette la berretta cardinalizia con il titolo di cardinale presbitero di san Silvestro in Capite.

Dopo avere declinato l'arcivescovato di Fermo, diresse la diocesi di Senigallia con il titolo personale di arcivescovo dal 1717 al 1724, senza svolgervi particolari attività pastorali. Nel conclave del 1721 fu annoverato tra i cardinali filofrancesi e il suo nome circolò brevemente tra i papabili. Pochi anni dopo, nel conclave del 1724, seguì il partito del cardinale Annibale Albani.

Papa Benedetto XIII gli fece assumere un ruolo di maggiore rilievo in Curia. Dopo aver rinunciato al governo di Senigallia, fece ritorno a Roma dove fu nominato prefetto della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie e ascritto alle congregazioni del Sant'Uffizio, dell'Indice, del Concilio e della fabbrica di San Pietro. Vicino alla cultura gesuitica e ostile al giansenismo, si impegnò particolarmente nella promozione della cultura pastorale dei vescovi, ma anche nel contrasto al pensiero giurisdizionalista.

Nel lungo conclave del 1730 la candidatura di Pico venne avanzata dal cardinale Annibale Albani, ma subì l'opposizione dell'imperatore, che riuscì a mobilitare 25 cardinali, spingendo Pico a rinunciare spontaneamente alla candidatura, favorendo la nomina di Lorenzo Corsini che prese il nome di Clemente XII.

Questi lo volle nella congregazione de nonnullis, incaricata di istruire un processo per le malversazioni del cardinal Niccolò Coscia e di altri collaboratori di Benedetto XIII.

Alla morte di Clemente XII fu ancora tra i papabili. Molto vicino al cardinale Albani, era ritenuto dalla Francia un cardinale amico. Anche se le istruzioni agli ambasciatori sottolineavano la sua rigida difesa dell'autorità papale, la sua candidatura emerse in alcune fasi come possibile compromesso tra la fazione degli Albani e quella del cardinale nipote Neri Maria Corsini, ma alla fine prevalse la candidatura di Prospero Lorenzo Lambertini che prese il nome di Benedetto XIV.

Morì il 10 agosto 1743 nel suo palazzo romano nei pressi della Basilica dei Santi XII Apostoli, dove si tennero i funerali due giorni dopo.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Maestro di Camera della Corte Pontificia Successore: Emblem Holy See.svg
Tommaso Ruffo 7 giugno 1706 - 24 ottobre 1707 Antonio Francesco Sanvitale I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Ruffo {{{data}}} Antonio Francesco Sanvitale
Predecessore: Patriarca titolare di Costantinopoli Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Odoardo Cybo 25 giugno 1706 - 26 settembre 1712 Andrea Riggio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Odoardo Cybo {{{data}}} Andrea Riggio
Predecessore: Prefetto del Palazzo Apostolico Successore: Emblem Holy See.svg
Giuseppe Vallemani 24 ottobre 1707 - 26 settembre 1712 Fabio degli Abati Olivieri
(pro-prefetto)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Vallemani {{{data}}} Fabio degli Abati Olivieri
(pro-prefetto)
Predecessore: Cardinale presbitero di San Silvestro in Capite Successore: CardinalCoA PioM.svg
Johann Philipp von Lamberg 21 novembre 1712 - 24 aprile 1728 Prospero Marefoschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Johann Philipp von Lamberg {{{data}}} Prospero Marefoschi
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Michelangelo Conti 4 gennaio 1717 - 10 gennaio 1718 Antonio Felice Zondadari senior I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michelangelo Conti {{{data}}} Antonio Felice Zondadari senior
Predecessore: Vescovo di Senigallia
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Giandomenico Paracciani 22 novembre 1717 - 10 settembre 1724 Bartolomeo Castelli (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giandomenico Paracciani {{{data}}} Bartolomeo Castelli (Ch)
Predecessore: Prefetto della Congregazione sopra la Correzione dei Libri della Chiesa Orientale Successore: Emblem Holy See.svg
- 1º gennaio 1722 - 10 agosto 1743 Fortunato Tamburini, O.S.B.Cas. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Fortunato Tamburini, O.S.B.Cas.
Predecessore: Prefetto della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie Successore: Emblem Holy See.svg
? 1º gennaio 1724 - 10 agosto 1743 Raffaele Cosimo de' Girolami I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} Raffaele Cosimo de' Girolami
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: CardinalCoA PioM.svg
Filippo Antonio Gualterio 24 aprile 1728 - 9 aprile 1731 Antonio Felice Zondadari senior I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Antonio Gualterio {{{data}}} Antonio Felice Zondadari senior
Predecessore: Arciprete della Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore Successore: Santa maria maggiore 051218-01.JPG
Pietro Ottoboni 1º luglio 1730 - 1731 Girolamo Colonna di Sciarra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Ottoboni {{{data}}} Girolamo Colonna di Sciarra
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Boncompagni 9 aprile 1731 - 29 agosto 1740 Pier Luigi Carafa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Boncompagni {{{data}}} Pier Luigi Carafa
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Tommaso Ruffo 29 agosto 1740 - 10 agosto 1743 Annibale Albani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Ruffo {{{data}}} Annibale Albani
Predecessore: Vice-decano del Collegio Cardinalizio Successore: Sede vacante.svg
Tommaso Ruffo 29 agosto 1740 - 10 agosto 1743 Annibale Albani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Ruffo {{{data}}} Annibale Albani
Bibliografia
  • Stefano Tabacchi, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 83, 2015, PICO, Ludovico

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.