Giovanni Antonio Benvenuti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giovanni Antonio Benvenuti
Cardinale
Stemma Giovanni Antonio Benvenuti.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 73 anni
Nascita Belvedere
16 maggio 1765
Morte Osimo
14 novembre 1838
Sepoltura Cattedrale di Osimo
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Jesi, 20 settembre 1788
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 15 dicembre 1828 da Leone XII
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Chiesa di Santa Maria in Portico in Campitelli (Roma), 25 gennaio 1829 dal card. arc. Bartolomeo Pacca
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
2 ottobre 1826 da Leone XII (15 dicembre 1828 in pectore) (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 12 anni, 1 mese e 12 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Giovanni Antonio Benvenuti (Belvedere, 16 maggio 1765; † Osimo, 14 novembre 1838) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Biografia

Nacque l'16 maggio 1765 a Belvedere, Diocesi di Senigallia in una famiglia nobile, da Giuseppe Benvenuti e Maddalena Tosi. Il suo nome è indicato anche come Giantonio (1706); prozio del cardinale Niccola Paracciani Clarelli (1844), del cardinale Salvatore Nobili Vitelleschi (1875), per parte di madre e del cardinale Francesco Ricci Paracciani (1880).

La formazione l'attività curiale

Studiò all'Università "La Sapienza" di Roma, dove conseguì il dottorato in utroque iure, sia in diritto canonico che civile il 28 novembre 1793. Ordinato presbitero il 20 settembre 1788 a Jesi, entrò nella Curia Romana l'anno seguente. Segretario e poi uditore della Nunziatura apostolica in Polonia, accompagnò il nunzio Lorenzo Litta a San Pietroburgo, in Russia, nel 1797; vi rimase da solo dall'aprile 1799 fino all'arrivo del nunzio Tommaso Arezzo; lasciò la Russia il 20 gennaio 1804. Abate commendatario di San Ginesio di Rocca Contrada, diocesi di Senigallia, prima del 18 marzo 1801, era esperto per gli affari russi presso la Segreteria di Stato e agente della Repubblica di Ragusa; fu incaricato di una missione presso le truppe anglo-russe di stanza a Napoli, novembre-dicembre 1805.

Entrò nella prelatura romana come prelato domestico di Sua Santità prima del 21 giugno 1806, referendario dal 26 giugno e relatore della S.C. del Buon Governo prima del 13 settembre dello stesso anno. Alla restaurazione del governo pontificio a Roma dopo la fine dell'occupazione francese, il 22 settembre 1814 fu nominato relatore della Sacra Consulta il 12 dicembre seguente e dalla Giunta di Stato che governò Roma durante la fuga di Papa Pio VII a Genova, delegato apostolico a Camerino, prima del 27 maggio 1815. Con il ritorno del cardinale Ercole Consalvi, fu nominato Delegato apostolico di Civitavecchia il 2 luglio 1815, di Ancona il 5 giugno 1820.

Canonico della Patriarcale basilica Liberiana, Protonotario apostolico, durante il conclave del 1823 fu delegato straordinario alle quattro legazioni, dal 25 agosto al 17 dicembre: Bologna che comprendeva Ferrara e la Romagna, Urbino che comprendeva le Marche, Perugia che copriva l'Umbria e Velletri che copriva il Lazio meridionale. Segretario della S.C. del Buon Governo il 19 marzo 1824, divenne membro della Congregazione per l'Economia dall'7 aprile e della Congregazione del Censo il 7 agosto seguente. Legato straordinario a Frosinone per le province di Marittima e Campagna, con pieni poteri per frenare l'espansione dei briganti il 2 luglio 1824. Pro-legato apostolico di Forlì il 27 agosto 1826, dopo l'attentato alla vita del cardinale Agostino Rivarola, diresse la repressione contro i carbonari.

Il cardinalato e la nomina episcopale

Fu creato cardinale riservato "in pectore" da Pio VII nel concistoro del 2 ottobre 1826; pubblicato e nominato vescovo di Osimo e Cingolinel nel concistoro del 15 dicembre 1828; ricevette il cappello rosso il 18 dicembre 1828 e il titolo di cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta il 21 maggio 1829. Consacrato il 25 gennaio 1829 nella Chiesa di Santa Maria in Campitelli in Roma, dal cardinale Bartolomeo Pacca, vescovo di Porto e Santa Rufina, pro-datario di Sua Santità, assistito da Giovanni Giacomo Sinibaldi, arcivescovo titolare di Damiata e presidente della Pontificia Accademia dei Nobili Ecclesiastici e da Peter Augustine Baines[1], O.S.B., vescovo titolare di Sigo, vicario apostolico del Distretto Occidentale dell'Inghilterra. Partecipò al conclave del 1829 che elesse papa Pio VIII e a quello del 1830-1831 che elesse papa Gregorio XVI. Legato a latere per pacificare la rivolta in Romagna e nelle province ecclesiastiche il 12 febbraio 1831; fu arrestato a Osimo il 18 febbraio successivo e trattenuto in ostaggio dal governatore provvisorio di Ancona. Il 25 marzo negoziò una convenzione per la capitolazione e la salvaguardia degli insorti; la convenzione non fu riconosciuta da Roma. Sconfessato ufficialmente dal cardinale segretario di Stato Tommaso Bernetti, proseguì la sua missione di pace nelle Marche e in Umbria fino al 9 aprile; si ritirò a Osimo il 10 aprile e non ricoprì mai più alcun ruolo politico.

La morte

Morì a Osimo il 14 novembre 1838 all'età di 73 anni. Fu esposto e sepolto nella cattedrale di Osimo dove si svolse il rito funebre.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Pro-segretario della Congregazione del Buon Governo Successore: Emblem Holy See.svg
Mario Mattei
(segretario)
19 marzo - 2 luglio 1824 Mario Mattei
(segretario)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mario Mattei
(segretario)
{{{data}}} Mario Mattei
(segretario)
Predecessore: Delegato apostolico di Frosinone Successore: Emblem Holy See.svg
Agostino Olivieri 3 luglio 1824 - 2 luglio 1827 Luigi Ciacchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Agostino Olivieri {{{data}}} Luigi Ciacchi
Predecessore: Pro-legato apostolico di Forlì Successore: Emblem Holy See.svg
Stanislao Sanseverino
(legato apostolico)
27 agosto 1826 - 16 luglio 1828 Vincenzo Macchi
(legato apostolico)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Stanislao Sanseverino
(legato apostolico)
{{{data}}} Vincenzo Macchi
(legato apostolico)
Predecessore: Vescovo di Osimo e Cingoli Successore: BishopCoA PioM.svg
Timoteo Maria Ascensi, O.C.D. 15 dicembre 1828 - 14 novembre 1838 Giovanni Soglia Ceroni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Timoteo Maria Ascensi, O.C.D. {{{data}}} Giovanni Soglia Ceroni
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta Successore: Kardinalcoa.png
Antonio Lante Montefeltro Della Rovere 21 maggio 1829 - 14 novembre 1838 Gabriele Ferretti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Lante Montefeltro Della Rovere {{{data}}} Gabriele Ferretti
Note
  1. cfr. Bishop Peter Augustine Baines, O.S.B. su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 28-09-2023
Bibliografia
  • (FR) Philippe Boutry, Souverain et Pontife - recherches prosopographiques sur la curie romaine à l'âge de la restauration, 1814-1846, Ecole française de Rome, Rome, 2002, pp. 313,314
  • (FR) Jean LeBlanc, Dictionnaire biographique des cardinaux du XIX siècle - contribution à l'histoire du Sacré Collège sous les pontificats de Pie VII, Léon XII, Pie VIII, Grégoire XVI, Pie IX et Léon XIII, 1800-1903, Wilson & Lafleur, Montréal, 2007. (Collection Gratianus. Série instruments de recherche), pp. 139,140
  • (LA) Remigium Ritzler, Pirminum Sefrin, Hierarchia Catholica Medii et Recentioris Aevi, vol. VI (730-1799), Typis et Sumptibus Domus Editorialis "Il Messaggero di S. Antonio" presso Basilica Sant'Antonio, Padova, 1968, pp. 21, 44, 98
Collegamenti esterni
Voci correlate