Concilio di Antiochia (340)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Antiochia (Antiochenum)

[[File:|250px]]

Concili non ecumenici della Chiesa cattolica
Data 340
Convocato da {{{convocato}}}
Presieduto da


Partecipanti 90 ca.
Argomenti Condanna ariana del niceno Atanasio di Alessandria
Documenti
Gruppi scismatici
Concilio precedente {{{precedente}}}
Concilio successivo {{{successivo}}}
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri concili svoltisi nella stessa città, vedi Concilio di Antiochia.

Il Concilio di Antiochia (Concilium Antiochenum) è un sinodo locale ariano che si è tenuto ad Antiochia di Siria (attuale Antakya, Turchia) nel 340, con la partecipazione di circa novanta vescovi.

Il vescovo ariano di Costantinopoli Eusebio di Nicomedia era riuscito a far esiliare da Alessandria d'Egitto il vescovo niceno Atanasio di Alessandria e questi si stava recando a Roma per ottenere dal Papa la riabilitazione, poi effettivamente accordata dal concilio di Roma (340).

In occasione del viaggio di Atanasio, gli ariani che facevano riferimento a Eusebio di Nicomedia (eusebiani) si congregarono ad Antiochia, ribadirono la condanna di Atanasio, stabilirono che un vescovo deposto non potesse essere reintegrato senza un concilio apposito, e nominarono l'ariano Gregorio di Cappadocia come patriarca di Alessandria.

Bibliografia
  • Edward H. Landon, A Manual of Councils of the Holy Catholic Church, vol. 1, John Grant, Edimburgo 1909, p. 31, online.
Voci correlate


Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.