Concilio di Tarragona (1329)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Tarragona (Tarragonense)

[[File:{{{immagine}}}|250px]]

Concili non ecumenici della Chiesa cattolica
Data 26 febbraio 1329
Convocato da
Presieduto da

Giovanni d'Aragona

Partecipanti
Argomenti Vari
Documenti 86 canoni
Gruppi scismatici
Concilio precedente {{{precedente}}}
Concilio successivo {{{successivo}}}

Il Concilio di Tarragona (Concilium Tarragonense) è un sinodo locale che si è tenuto a Tarragona (Spagna) il 26 febbraio 1329, presieduto da Giovanni d'Aragona, patriarca latino di Alessandria.

Gli 86 canoni promulgati dal concilio, prevalentemente ripresi da concili precedenti, riguardano vari temi, per esempio: vieta l'operato dei chierici vaganti, cioè non incardinati nella diocesi; impone ai prigionieri musulmani che vogliono convertirsi al cristianesimo un periodo di formazione, per evitare conversioni di comodo o forzate; impone a vescovi, priori e abati di ascoltare i brani della Bibbia letti durante i pasti; incentiva il culto di santa Tecla, patrona della città; impone anche ai saraceni il pagamento della decima; impone ai parroci di celebrare messe nelle proprie chiese; impone il celibato ecclesiastico; impone in ogni diocesi la presenza di due chierici che hanno studiato teologia e due diritto canonico.

Bibliografia
  • (EN) Edward H. Landon, A Manual of Councils of the Holy Catholic Church, John Grant, Edimburgo 1909, vol. 2, p. 148-149, online


Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.