Papa Benedetto V

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Benedetto V
Papa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

BenedettoV.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte anni
Nascita Roma
Morte Amburgo
4 luglio 966
Sepoltura ?
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
[[]] da [[]] (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
prima dell'elezione
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
132° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
data sconosciuta
Consacrazione 22 maggio 964
Fine del
pontificato
23 giugno 964
(dimissionario)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore Leone VIII
Successore Giovanni XIII
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali 4 creazioni in 2 concistori
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda su santiebeati.it

Benedetto V (Roma; † Amburgo, 4 luglio 966) è stato il 132° (o 131°) vescovo di Roma e papa italiano dal 22 maggio al 23 giugno 964, quando venne deposto.

Biografia

Fu eletto alla morte di Papa Giovanni XII dal patriziato e dalla plebe di Roma, in opposizione papa Leone VIII, imposto dall'Imperatore Ottone I.

Al momento della sua elezione era semplice diacono e l'incalzare degli eventi gli impedì di accedere ai gradi del sacerdozio e dell'episcopato, necessari per l'esercizio della sua carica; infatti, benché Benedetto fosse una persona molto pia, moralmente irreprensibile e di grande cultura (è definito "grammaticus" dai testi coevi), Ottone I non approvò la scelta, e dopo un breve assedio, entrò in Roma e, restaurato Leone, si fece consegnare Benedetto (23 giugno 964).

Convocato un sinodo lo stesso giorno, l'Imperatore ottenne la condanna di Benedetto come usurpatore. Benedetto rinunciò a difendersi e venne spogliato degli abiti pontificali e formalmente deposto. Il suo antagonista Papa Leone VIII gli spezzò sulla testa il pastorale: l'episodio è significativo poiché ci trasmette la prima notizia dell'esistenza di un particolare scettro papale. Non fu ridotto allo stato laicale ma gli fu permesso di conservare il grado di diacono. Per taluni storici della Chiesa, Leone VIII era un antipapa e il suo pontificato vero iniziò con la deposizione di Benedetto V il 23 giugno 964. Quale dei due sia stato papa e chi antipapa, fino a quel 23 giugno, è stata tesi dibattutissima nella Chiesa, tant'è che in San Paolo Fuori le Mura c'è il ritratto di Benedetto V tra Giovanni XII e Giovanni XIII, ma non quello di Leone VIII. Oggi si tende a dire che Leone VIII o fu Papa due volte, fino alla deposizione che subì per volere di Giovanni XII e poi di nuovo a partire dalla deposizione di Benedetto V, oppure fu papa una volta sola a partire dalla deposizione di Benedetto; in ogni caso, in quel mese, Benedetto V sarebbe stato papa legittimo e senza alcun dubbio.

Ottone I lo esiliò ad Amburgo, dove il vescovo locale, Adaltago, lo trattò con grande rispetto permettendogli anche di predicare, tanto che grazie a lui si ebbero numerose conversioni al cattolicesimo e ritorni alla pratica religiosa.

Morì ad Amburgo il 4 luglio 966 venerato da tutti per la santità della sua vita e seppellito nella cattedrale della città.

Poiché negli anni seguenti Amburgo fu aggredita e distrutta dagli slavi, fu diffusa la voce che lo stesso Benedetto avesse previsto queste sciagure e predetto che esse sarebbero cessate quando il suo corpo sarebbe stato sepolto accanto alla tomba di San Pietro. I resti dell'ex Papa furono effettivamente trasferiti a Roma, ed inumati nel cosiddetto "Paradiso", il grande atrio quadriportico della basilica di San Pietro, per ordine dell'Imperatore Ottone III nel 999.

La tomba ed i resti di Benedetto V sono andati perduti fra il 1506 ed il 1539, durante i lavori di demolizione della vecchia basilica e di costruzione della nuova.

Talvolta a Benedetto V è attribuito il titolo di santo ed indicato il 4 luglio, giorno della sua morte, come quello della sua festa; in realtà il suo nome non figura in nessuna edizione del martirologio.


Predecessore: Papa Successore: Emblem of the Papacy SE.svg
papa Leone VIII 22 maggio 964 - 23 giugno 964 papa Giovanni XIII I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
papa Leone VIII {{{data}}} papa Giovanni XIII
Bibliografia
  • A. F. Artaud de Montor, Storia dei Sommi Romani Pontefici, Società Editrice, Torino 1853, vol. I, tomo II, pagg. 501-502.
  • F. Gregorovius, Storia di Roma nel Medio Evo, libro VI, cap. III, § 3 (Avanzini e Torraca Editori, Roma 1966, vol. 2, pagg.399-401).
  • A. Ceccaroni, Dizionario ecclesiastico illustrato, Antonio Vallardi Editore, Milano 1897, ad vocem.
  • A. Saba - C. Castiglioni, Storia dei Papi, UTET, Torino 1957, vol. I, pagg. 525-526.
  • M. Oldoini - P. Ariatta, Liutprando di Cremona: Italia e Bisanzio alle soglie dell'anno mille, Europìa Iniziative Editoriali, Novara 1987, pagg. 213-215.


Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.