Papa Milziade

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Milziade
Papa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

Pope miltiades.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte {{{età}}} anni
Nascita
Morte 10 gennaio 314
Sepoltura Catacomba di San Callisto (Roma). Reliquie nella Chiesa di San Silvestro in Capite (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
[[]] da [[]] (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
prima dell'elezione
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
32° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
2 luglio 310
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
10 gennaio 314
(per decesso)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore Papa Eusebio
Successore Papa Silvestro I
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 10 gennaio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 10 gennaio, n. 1:
« A Roma nel cimitero di Callisto sulla via Appia, san Milziade, Papa: originario dell’Africa, sperimentò la pace resa alla Chiesa dall’imperatore Costantino e, sebbene fortemente osteggiato dai donatisti, si adoperò saggiamente per la riconciliazione. »

San Milziade, o Melchiade († 10 gennaio 314), è stato il 32° vescovo di Roma e papa africano dal 2 luglio 310 o 311 alla sua morte. La Chiesa, che lo venera come santo.

Biografia

L'anno della sua nascita è sconosciuto, come la sua storia personale fino all'elevazione al soglio di Pietro. Dopo il bando di papa Eusebio, la sede romana rimase vacante per qualche tempo, probabilmente per le complicazioni che erano sorte a causa degli apostati (i lapsi). Il 2 luglio 310 o 311, Miltiadea (il nome è scritto anche Melchiades), originario dell'Africa, fu consacrato vescovo di Roma. L'incertezza sull'anno esatto della sua elezione deriva dal "Catalogo Liberiano dei Papi" che riportava 2 luglio 311 quale data di consacrazione del nuovo papa (ex die VI non. iul. a cons. Maximiliano VIII solo, quod fuit mense septembri Volusiano et Rufino), ma, in contraddizione con questa informazione, riportava anche che la morte del papa avvenne il 2 gennaio 314 dopo un pontificato di tre anni, sei mesi ed otto giorni. Probabilmente, per l'errore di un copista, dovremmo leggere ann. II invece di ann. III e pertanto l'anno della sua elevazione al papato fu, con più probabilità, il 311.

Fine delle persecuzioni contro i cristiani

Intorno a questa data (310 o 311), gli imperatori Galerio, Costantino e Licinio promulgarono l'Editto di Milano[1] che pose fine alla grande persecuzione dei Cristiani, permise loro di vivere come tali e di ricostruire i loro luoghi di culto (Eusebio di Cesarea, Historia Ecclesiastica, VIII, XVII; Lucio Cecilio Firmiano Lattanzio, De mortibus persecutorum, XXXIV). I cristiani continuarono ad essere perseguitati solamente in quei paesi orientali che erano sotto Massimino Daia. L'imperatore accordò a Papa Milziade, a Roma, il diritto di riavere, tramite il prefetto della città, tutti gli edifici ecclesiastici ed i possedimenti che erano stati confiscati durante le persecuzioni. I due diaconi romani, Stratone e Cassiano furono incaricati dal papa di discutere della questione col prefetto e di riprendere possesso delle proprietà ecclesiastiche (Sant'Agostino d'Ippona, Breviculus collationis cum Donatistis, III, 34). Divenne così possibile riorganizzare completamente l'amministrazione ecclesiastica e la vita religiosa dei Cristiani a Roma.

Milziade fece traslare i resti del suo predecessore, Eusebio, dalla Sicilia a Roma e li fece seppellire in una cripta nelle catacombe di San Callisto. L'anno seguente il papa fu testimone della sconfitta di Massenzio e dell'ingresso a Roma dell'Imperatore Costantino (ora convertito al Cristianesimo), dopo la vittoria nella Battaglia di Ponte Milvio (27 ottobre 312). In seguito, l'imperatore donò alla Chiesa romana il Palazzo del Laterano, che divenne la residenza del papa e, di conseguenza, anche la sede centrale dell'amministrazione della Chiesa di Roma. La basilica, confinante col palazzo, costruita probabilmente qualche tempo dopo, divenne la chiesa principale di Roma.

Il Donatismo e il Manicheismo

Nel 313 i Donatisti si recarono da Costantino con la richiesta di nomina di alcuni vescovi della Gallia quali giudici nella controversia dell'episcopato africano riguardo la consacrazione dei due vescovi cartaginesi Ceciliano e Maiorino. Costantino scrisse a Milziade, chiedendo al papa di nominare tre vescovi gallici per dare udienza a Roma, a Ceciliano ed al suo oppositore e decidere del caso. Il 2 ottobre 313 si riunì nel Palazzo del Laterano, sotto la presidenza di Milziade, un sinodo di diciotto vescovi gallici ed italiani che, dopo aver discusso approfonditamente per tre giorni la controversia Donatista, decise in favore di Ceciliano, la cui elezione e consacrazione a vescovo di Cartagine fu dichiarata legittima e Donato fu condannato come eretico. Nella biografia di Milziade, contenuta nel Liber Pontificalis si afferma anche che, durante il suo regno, furono trovati a Roma dei Manichei.

Provvedimenti normativi

La stessa fonte attribuiva a questo papa un decreto che impediva ai Cristiani di digiunare la domenica o il giovedì, "perché in questi giorni i pagani osservavano un digiuno sacro". Questa ragione è da tenere in considerazione perché, probabilmente, deriva dall'autore del Liber Pontificalis che, grazie a questo presunto decreto, faceva risalire un'usanza romana del suo tempo ad un'ordinanza di Milziade. Il Liber Pontificalis, probabilmente, non è meno arbitrario nell'attribuire a questo papa un altro decreto secondo il quale il pane eucaristico consacrato nella Messa Solenne del papa doveva essere portato in tutte le chiese di Roma. Tale usanza esistette davvero a Roma, ma non c'è alcuna prova che fu introdotta da Milziade, come invece asserisce il Liber Pontificalis.

Dopo la sua morte, il 10 gennaio (il Catalogo Liberiano indicava III id. jan., mentre il Depositio Episcoporum indicava IIII id. jan.) 314, Milziade fu sepolto nelle Catacombe di San Callisto.

Culto

La tradizione vuole che i suoi resti siano conservati nella Chiesa di San Silvestro in Capite. La Sua festa, secondo il Martyrologium Hieronymianum, si celebrava, nel IV secolo, il 10 gennaio. Nel Martirologio Romano, ricorre il 10 dicembre.

Di lui Sant'Agostino d'Ippona disse:

« Vero figlio della pace e vero padre per i cristiani »


Predecessore: Papa Successore: Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Eusebio 2 luglio 311 - 10 gennaio 314 Papa Silvestro I I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Papa Eusebio {{{data}}} Papa Silvestro I
Note
Fonti
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.