Regione ecclesiastica Abruzzo-Molise

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Regione ecclesiastica Abruzzo-Molise
Regione ecclesiastica della Chiesa cattolica in Italia
Arcidiocesi metropolitane delle Province ecclesiastiche
Campobasso-Boiano (3 suffraganee), l'Aquila (2 suffraganee), Pescara-Penne (1 suffraganea), Chieti-Vasto (1 suffraganea)
Diocesi immediatamente soggette alla Santa Sede
{{{soggette}}}
Presidente: Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto
Vicepresidente: Gianfranco De Luca, vescovo di Termoli-Larino
Segretario: Camillo Cibotti, vescovo di Isernia-Venafro
[[Immagine:|300 px]]
parrocchie 1.074
Sacerdoti 942 secolari e 418 regolari
Diaconi permanenti 81
Religiosi 490 uomini e 1.937 donne
1.544.232 abitanti in 15.472 km²
Dati dall'annuario pontificio
elenco diocesi della Chiesa cattolica
Progetto Diocesi -- guida

La Regione ecclesiastica Abruzzo-Molise è una delle sedici regioni ecclesiastiche in cui è suddiviso il territorio della Chiesa cattolica in Italia. Il suo territorio corrisponde all'incirca al territorio delle due regioni amministrative, l'Abruzzo e il Molise, della Repubblica Italiana; sono presenti alcune piccole variazioni nelle zone di confine, dovute alla configurazione delle singole diocesi, risalenti ad epoca remota.

La regione ecclesiastica oggi

Statistiche

Superficie in km²: 15.472
Abitanti: 1.544.232
Parrocchie: 1.074
Numero dei sacerdoti secolari: 942
Numero dei sacerdoti regolari: 418
Numero dei diaconi permanenti: 81

Suddivisione

Questa regione ecclesiastica è composta da undici diocesi, così ripartite:

Conferenza episcopale dell'Abruzzo-Molise

Storia

Il cristianesimo giunse presto in queste terre, che ai tempi dell'Impero romano erano denominate Regione Valeria della IV Regione Italica; le popolazioni della zona appenninica furono tra le prime ad essere evangelizzate. La fede cristiana mise subito radici molto profonde al punto da resistere anche alla successiva caduta dell'Impero e alle invasioni barbariche; traccia notevole di questo influsso è visibile nelle numerose chiese monastiche, abbaziali ed eremitiche, dall'architettura sobria e solida, nelle manifestazioni popolari più suggestive (feste, processioni, pellegrinaggi ai santuari).

Collegamenti esterni
Note
  1. URL consultato il 07-06-2018

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.