Arcidiocesi dell'Aquila

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi dell’Aquila
Archidioecesis Aquilana
Chiesa latina

L'aquila03.jpg
Arcivescovo Metropolita Giuseppe Petrocchi
Sede L'Aquila

sede vacante
L'Aquila

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica Abruzzo-Molise
Stemma Arcidiocesi L'Aquila.jpg
Stemma
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
Avezzano, Sulmona-Valva
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Cariche emerite:

mons. Giuseppe Molinari (vescovo emerito)
Parrocchie 147
Sacerdoti

166 di cui 111 secolari e 55 regolari
662 battezzati per sacerdote

61 religiosi 227 religiose 8 diaconi
111.360 abitanti in 1.516 km²
110.000 battezzati (98,7% del totale)
Eretta 22 dicembre 1256
Rito Romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Piazza del Duomo 33, 67100 L'Aquila
tel. +086223165 fax. 0862 410465 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica
Ingresso dell'episcopio arcivescovile all'Aquila
Cattedrale dei Santi Massimo e Giorgio, sede della cattedra dell'arcivescovo dell'Aquila

L'Arcidiocesi di L'Aquila (in latino Archidioecesis Aquilana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla Regione Ecclesiastica Abruzzo-Molise. Nel 2010 contava 110.000 battezzati su 111.360 abitanti. È attualmente retta dall'Arcivescovo Giuseppe Petrocchi.

Il patrono della Diocesi è San Massimo, levita e martire, già protettore della diocesi di Forcona, soppressa nel 1256, da cui quella dell'Aquila è derivata. Compatroni sono sant'Equizio abate, san Pietro Celestino e san Bernardino da Siena

Territorio

La Cattedrale, per decreto di papa Alessandro IV del 22 dicembre 1256, è la Chiesa dei Santi Massimo e Giorgio, in piazza del Duomo all'Aquila.

Il territorio è suddiviso in 147 parrocchie.

La Provincia ecclesiastica aquilana comprende anche due Diocesi suffraganee:

Storia

Le fonti attestano l'esistenza in territorio aquilano di una struttura ecclesiale ben definita sin dal I secolo: erano infatti già sedi vescovili le antiche città di Amiterno e Forcona (l'odierna Civita di Bagno), che attorno al 1230 si fusero con altri borghi, dando vita alla città dell'Aquila.

Gli elenchi dei Vescovi sono incompleti: per la sede di Amiterno si tramandano i nomi di San Vittorino, martire sotto l’Imperatore Nerva, Castorio, citato da San Gregorio Magno, Ceteo, martirizzato dai Longobardi di Ambone, e Leonzio, fratello di papa Stefano II; per Forconio si ricordano Ceso, che ospitò papa Giovanni XII e l'Imperatore Ottone I quando si recarono nella città sabina per onorare il corpo di San Massimo, San Raniero, lodato da papa Alessandro II, e Berardo da Padula, vescovo dal 1252, che qualche anno dopo sarebbe divenuto primo presule dell'Aquila.

L'erezione dellaDiocesi dell'Aquila coincide infatti con la traslazione della Diocesi di Forconio: accogliendo le istanze delle autorità civili aquilane, con Bolla del 22 dicembre 1256, papa Alessandro IV concesse al centro di recente fondazione lo status di città e la dignità episcopale e ordinò il trasferimento della sede di Forcona, con tutti i suoi onori e i suoi diritti, nella chiesa cattedrale intitolata ai Santi Massimo e Giorgio; con privilegio del 20 febbraio del 1257 il pontefice definì i confini della diocesi.

Nel 1818 papa Pio VII e il re delle Due Sicilie Ferdinando I conclusero il concordato che decretò la soppressione della sede vescovile di Cittaducale (per la deficienza delle rendite) e l'annessione del suo territorio alla Diocesi dell'Aquila.

Per premiare la devozione alla persona del pontefice della sua popolazione e le benemerenze del vescovo Luigi Filippi, con lettera apostolica del 19 gennaio del 1876 papa Pio IX insignì la sede aquilana della dignità arcivescovile, pur mantenendola nell'immediata soggezione alla Santa Sede.

In ossequio alle nuove disposizioni del Concilio Vaticano II, con la lettera apostolica Cum cognitum (15 agosto 1972), papa Paolo VI elevò la sede arcivescovile dell'Aquila a sede metropolitana e insignì l'allora Vescovo Costantino Stella del titolo di Metropolita della nuova provincia ecclesiastica comprendente, oltre alla Diocesi dell'Aquila, quelle suffraganee dei Marsi (con sede ad Avezzano) e di Valva e Sulmona.

Con il decreto Quo aptius del 21 giugno del 1976 emanato dalla Congregazione per i Vescovi, dopo la rettifica dei confini concordata con la Diocesi di Rieti, l'Arcidiocesi dell'Aquila ha subito un ultimo e definitivo riassetto territoriale: le 25 parrocchie che formavano l'antica Diocesi di Cittaducale sono state accorpate alla Diocesi di Rieti, mentre 21 parrocchie già reatine sono state assegnate alla Diocesi dell'Aquila.

Nel 2006 la Diocesi dell'Aquila ha celebrato la ricorrenza del 750º anniversario della sua fondazione.

La Cattedrale, il palazzo arcivescovile e molte chiese dell'Aquila e dintorni hanno subito gravi danni a causa del terremoto dell'Aquila del 2009. Papa Benedetto XVI ha visitato l'Arcidiocesi il 28 aprile 2009, recandosi, tra l'altro, a pregare sulle spoglie di Celestino V nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio, danneggiata dal sisma.

Mons. Giovanni D'Ercole titolare di Dusa, dal 14 novembre 2009 al 12 aprile 2014 è stato vescovo ausiliare dell'Arcidiocesi dell'Aquila. Il 7 luglio 2013 ha fatto il suo ingresso il nuovo arcivescovo dell'arcidiocesi aquilana monsignore Giuseppe Petrocchi proveniente dalla diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno in seguito alle dimissioni presentate al compimento del 75° anno di età dall'arcivescovo Giuseppe Molinari.

Cronotassi dei vescovi

L'attuale Arcivescovo

Arcivescovo emerito

Giuseppe Molinari, nato a Scoppito (l'Aquila) l'11 gennaio 1938, già Vescovo di Rieti dal 1989, è stato nominato da papa Giovanni Paolo II coadiutore dell'Arcidiocesi dell'Aquila il 16 marzo 1996 ed è succeduto a Mario Peressin il 6 giugno 1998. È sopravvissuto al terremoto del 2009, che ha distrutto la sua camera nel palazzo arcivescovile.

Statistiche

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 111.360 persone contava 110.000 battezzati, corrispondenti al 98,7% del totale.

Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.