Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia
Dioecesis Arianensis Hirpinus-Laquedoniensis
Chiesa latina

Ariano irpino cattedrale romanica.jpg
vescovo Sergio Melillo
Sede Ariano Irpino

sede vacante
Ariano Irpino

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Benevento
Regione ecclesiastica Campania
Planimetria diocesi.JPG
Mappa della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Parrocchie 43
Sacerdoti

52 di cui 41 secolari e 11 regolari
1.423 battezzati per sacerdote

13 religiosi 70 religiose 8 diaconi
74.750 abitanti in 781 km²
74.000 battezzati (99.0%% del totale)
Eretta XI secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Piazza Pebiscito 13, 83031 Ariano Irpino [Avellino], Italia
tel. +390825871139 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2012 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia (in latino: Dioecesis Arianensis Hirpinus-Laquedoniensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Benevento appartenente alla regione ecclesiastica Campania. Nel 2012 contava 74.000 battezzati su 74.750 abitanti. La diocesi è retta dal vescovo Sergio Melillo.

Territorio

La diocesi comprende 24 comuni, di cui 20 sono in provincia di Avellino, 3 in provincia di Benevento ed uno in provincia di Foggia. Oltre alle città di Ariano Irpino e Lacedonia, la diocesi comprende i comuni di: Anzano di Puglia, Bonito, Carife, Casalbore, Castel Baronia, Castelfranco in Miscano, Flumeri, Ginestra degli Schiavoni, Greci, Grottaminarda, Melito Irpino, Montaguto, Montefalcone di Val Fortore, San Nicola Baronia, San Sossio Baronia, Savignano Irpino, Scampitella, Trevico, Vallata, Vallesaccarda, Villanova del Battista e Zungoli.

Sede vescovile è la città di Ariano Irpino, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. A Lacedonia sorge la concattedrale, anch'essa dedicata a Santa Maria Assunta.

Il territorio si estende su un territorio di 786 km² ed è suddiviso in 43 parrocchie.

Storia

Le diocesi di Ariano Irpino e Lacedonia furono costituite all'inizio del secondo millennio.

Il nome della città di Ariano è di origini romane, Ara Jani. Non ci sono documenti storici che consentano di collocare temporalmente la conversione del suo territorio al Cristianesimo, mentre sappiamo che un vescovo cristiano era già presente a Benevento all'inizio del IV secolo; la religione potrebbe essersi diffusa ad Ariano successivamente. Ariano fu sede vescovile almeno fin dal X secolo, è menzionata come sede suffraganea nella bolla di papa Giovanni XIII (965, 972) che stabilisce l'arcidiocesi di Benevento.

Il primo vescovo conosciuto di Ariano fu Meinardo, nativo di Poitiers. [1] Nel 1070 fece costruire nella cattedrale un battistero, nelle cui mura furono iscritti dei versi. Nell'anno successivo Meinardo presenziò alla consacrazione della chiesa di Monte Cassino da parte di papa Alessandro III.

La tradizione locale ricorda una serie di vescovi precedenti a Mainardo, che egli non sia stato il primo vescovo è provato da una dichiarazione del 1080 fatta in favore del monastero di Santa Sofia a Benevento.

La sede vescovile di Lacedonia è stata costituita nell'XI secolo; il primo vescovo noto è Desiderio, menzionato nel 1082, ma è certa la presenza di predecessori. I vescovi di Lacedonia più noti sono Fra Guglielmo Neritono (1392), Antonio Dura (1506), Gianfranco Carducci (1564), il matematico Marco Pedacca (1584), l'erudito Giacomo Candido (1606), Giacomo Giordano (1651), che fece costruire il palazzo episcopale e pianificò la costruzione della nuova cattedrale; Benedetto Bartolo, che fu rapito da dei briganti e riscattato dalla Marchesa di Carpi; Morea (1684), che soppresse alcune festività di origine pagana che venivano celebrate alla vigilia dell'Epifania e pose la pietra angolare della nuova cattedrale.

Mentre era vescovo Francesco Ubaldo Romanzi (1798) la diocesi di Lacedonia fu unita alla diocesi di Trevico, diocesi confinante già suffraganea di Benevento eretta almeno nel X secolo (nel 964 è menzionato un suo vescovo, Benedetto).

Il territorio della diocesi di Lacedonia è stato spesso soggetto a terremoti, in particolare nel 1694 e nel 1702.

Le diocesi di Ariano e di Lacedonia, quest'ultima già suffraganea di Conza e Campagna, furono unite il 30 settembre 1986 dopo che già dal 9 marzo 1974 erano unite in persona episcopi.

Cronotassi dei vescovi

Vescovi di Ariano

Vescovi di Lacedonia

Vescovi di Ariano Irpino-Lacedonia

Statistiche

Note
  1. Catholic Encyclopedia cita come fonte Vitale; secondo Ughelli la città sarebbe invece Padova
Fonti
fonti Ariano Irpino
fonti Lacedonia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.