Arcidiocesi di Rossano-Cariati

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Rossano-Cariati
Archidioecesis Rossanensis-Cariatensis
Chiesa latina

[[File:{{{immagine}}}|290px]]
Arcivescovo Giuseppe Satriano
Sede Rossano

sede vacante
Rossano

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano
Regione ecclesiastica Calabria
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Arcivescovi emeriti:

Parrocchie 53
Sacerdoti

84 di cui 70 secolari e 14 regolari
1.607 battezzati per sacerdote

15 religiosi 88 religiose 3 diaconi
137.500 abitanti in 1.415 km²
135.000 battezzati (98,1% del totale)
Eretta VII secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Via Arcivescovado 5, 87067 Rossano (Cosenza), Italia
tel. +390983520282 fax. 0983.520542 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica
Quadro con l'immagine di Maria Santissima Achiropita nell'omonima cattedrale di Rossano
Cupola della concattedrale di San Michele Arcangelo a Cariati

L'Arcidiocesi di Rossano-Cariati (in latino: Archidioecesis Rossanensis-Cariatensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano appartenente alla regione ecclesiastica Calabria. Nel 2010 contava 135.000 battezzati su 137.500 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Giuseppe Satriano.

Territorio

L'arcidiocesi comprende parte della provincia di Cosenza.

Sede arcivescovile è la città di Rossano, dove si trova la Cattedrale di Maria Santissima Achiropita. A Cariati sorge la Concattedrale di San Michele Arcangelo.

Il territorio è suddiviso in 53 parrocchie.

Storia

La Diocesi di Rossano fu eretta in epoca antica. Il primo vescovo noto, Saturnino, risale all'ultimo scorcio del VII secolo. Originariamente era suffraganea dell'Arcidiocesi di Reggio.

Nel XIV secolo fu eretta la Diocesi di Cariati. Originariamente era suffraganea dell'Arcidiocesi di Crotone-Santa Severina. Il primo Vescovo noto a portare il titolo di Cariati fu Nicola nel 1342, che era anche Vescovo di Cerenzia. Successivamente la Diocesi decadde e fu nuovamente eretta da papa Eugenio IV circa un secolo più tardi, sempre in unione aeque principaliter con la diocesi di Cerenzia.

Nel 1460 la Diocesi di Rossano fu elevata al rango di Arcidiocesi immediatamente soggetta alla Santa Sede. Secondo alcuni studiosi era invece sede metropolitana, ma era priva di sedi suffraganee, se Cariati ereditò da Cerenzia la soggezione all'arcidiocesi di Santa Severina. In ogni caso gli arcivescovi di Rossano rivendicarono nel XV secolo i diritti metropolitici sulla Diocesi di Cariati[1][2][3][4].

Verso il 1481 l'Arcidiocesi di Rossano fu una tra le ultime diocesi calabresi ad abbandonare il Rito bizantino, che aveva adottato fin dal IX secolo.[5]

Il 27 giugno 1818 furono soppresse le Diocesi di Cerenzia, di Strongoli e di Umbriatico e il loro territorio fu incorporato nella Diocesi di Cariati.

Il 20 ottobre 1860 l'Arcivescovo di Rossano Pietro Cilento fu imprigionato per aver invitato a votare, tramite un telegramma, il clero e il popolo dell'arcidiocesi, il no al plebiscito di annessione al Regno di Sardegna. Fu scarcerato il 16 dicembre 1860, ma farà ritorno a Rossano solo nel 1867.[6]

L'Arcidiocesi di Rossano e la Diocesi di Cariati furono unite aeque principaliter il 4 aprile 1979 con la Bolla Quo aptius di papa Giovanni Paolo II. Con la stessa bolla la Diocesi di Cariati cedette il territorio di sedici comuni all'Arcidiocesi di Crotone.

Il 30 settembre 1986 l'unione è divenuta piena.

Il 30 gennaio 2001 la Diocesi, che era suffraganea dell'Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, è entrata a far parte della Provincia ecclesiastica dell'Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano.

Il Museo diocesano

Nel Museo diocesano è conservato il Codex Purpureus Rossanensis (Gregory-Aland: Σ o 042), un manoscritto onciale greco del VI secolo contenente una copia del Vangelo secondo Matteo e del Vangelo secondo Marco. Deve il nome "Purpureus" al fatto che le sue pagine sono rossastre (in latino purpureus) perché il materiale di cui sono composte è la Pergamena viola. Il manoscritto riporta testi vergati in oro ed argento[7] ed è impreziosito da 15 miniature che illustrano i momenti più significativi della vita e della predicazione di Gesù. Il testo è scritto in eleganti caratteri onciali su due colonne. É uno dei più antichi manoscritti miniati del Nuovo Testamento conservatisi.

Il Codex Purpureus Rossanensis è nell’elenco delle candidature per essere riconosciuto dall’UNESCO fra i beni eccellenti del patrimonio artistico mondiale.

Cronotassi dei vescovi

Sede di Rossano

Sedi di Cariati e Cerenzia

escovo di Carinola)

Sede di Cariati

Sede di Rossano-Cariati

Statistiche

L'Arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 137.500 persone contava 135.000 battezzati, corrispondenti al 98,1% del totale.

Note
  1. (LA) Konrad Eubel, Hierarchia Catholica Medii Aevi, vol. 3, p. 348
  2. Pietro Giannone, Istoria civile del Regno di Napoli, Milano 1823, vol. III, p. 317
  3. Giuseppe Cappelletti, Le chiese d'Italia della loro origine sino ai nostri giorni, vol. XIX, Venezia 1864, p. 81
  4. Vincenzio d'Avino, Cenni storici sulle chiese arcivescovili, vescovili e prelatizie (nullius) del Regno delle Due Sicilie, Napoli 1848, pp. 574-576
  5. Vincenzio d'Avino, Cenni storici sulle chiese arcivescovili, vescovili e prelatizie (nullius) del Regno delle Due Sicilie, Napoli 1848, p. 576
  6. Accadde a Spezzano e dintorni nel dicembre del...
  7. Bruce M. Metzger, and Bart D. Ehrman, The Text of the New Testament: Its Transmission, Corruption and Restoration, New York - Oxford 2005, Oxford University Press, p. 84.
Fonti
Per Rossano
Per Cariati
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.