Papa Clemente XIII

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Concistoro del 23 novembre 1761)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Clemente XIII
Papa
C o a Clemente XIII.svg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Carlo della Torre di Rezzonico
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Clemens XIII.jpg

Anton Raphael Mengs, Ritratto di papa Clemente XIII (1758), olio su tela; Bologna, Pinacoteca Nazionale
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 75 anni
Nascita Venezia
7 marzo 1693
Morte Roma
2 febbraio 1769
Sepoltura Città del Vaticano, Basilica di San Pietro
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 23 dicembre 1731
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 11 marzo 1743 da Benedetto XIV
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Basilica dei Santi XII Apostoli (Roma), 19 marzo 1743 dal papa Benedetto XIV
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
(vedi)
Creato
Cardinale
20 dicembre 1737 da Clemente XII (vedi)
Cardinale per 31 anni, 1 mese e 13 giorni
Cardinale per
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
prima dell'elezione
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
248° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
6 luglio 1758
Conclave del 1758
Consacrazione 16 luglio 1758
Fine del
pontificato
2 febbraio 1769
(per decesso)
Durata del
pontificato
10 anni, 6 mesi e 27 giorni
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore papa Benedetto XIV
Successore papa Clemente XIV
Extra Encicliche
Clemente XIII
Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali 52 creazioni in 7 concistori
Proclamazioni Venerabili Beati Santi
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi Nessun Giubileo indetto
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda su santiebeati.it
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Papa Clemente XIII, al secolo Carlo della Torre di Rezzonico (Venezia, 7 marzo 1693; † Roma, 2 febbraio 1769) è stato il 248º vescovo di Roma e papa italiano dal 1758 alla sua morte.

Biografia

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Conclave del 1758

Nato da una famiglia veneziana di recente nobiltà (il padre era di una famiglia di ricchi commercianti genovesi di origini lombarde, i Della Torre, trasferitisi a Venezia, dove avevano comprato il titolo nobiliare), da Giovanni Battista e Vittoria Barbarigo, fu educato dai gesuiti a Bologna.

Ricoperse diversi e importanti incarichi nella Curia. Vescovo di Padova a partire dal 1743, divenne cardinale nel 1737 e poi Papa il 6 luglio 1758: nello stesso anno la famiglia Rezzonico celebrava il matrimonio di Ludovico Rezzonico con una rappresentante della potente famiglia Savorgnan. Clemente XIII fu famoso per il suo nepotismo.

Nonostante la mitezza e affabilità del suo carattere retto e moderato, pudico fino all'eccesso (fece ricoprire tutte le statue classiche del Vaticano con le note foglie di fico) e generoso con il suo vasto patrimonio privato, il suo pontificato venne disturbato da contese perpetue circa la richiesta di soppressione dei gesuiti che provenivano dai circoli dell'Illuminismo francese. Clemente mise l'Encyclopédie di D'Alembert e Diderot nell'Indice dei libri proibiti. Altra e inaspettata resistenza all'Encyclopédie giunse dalle corti di Spagna, Portogallo e del Regno delle due Sicilie.

Nel 1758 il ministro riformatore di Giuseppe I del Portogallo, il marchese di Pombal, espulse i gesuiti dal Portogallo e li spedì in massa a Civitavecchia, come "dono per il Papa". Nel 1760 il Pombal rispedì a casa anche il nunzio pontificio e richiamò l'ambasciatore portoghese. Il libello intitolato Breve relazione rappresentava i gesuiti come creatori di un regno virtualmente indipendente in America del Sud, sotto la loro sovranità, nel quale tiranneggiavano gli indios, il tutto nell'interesse della loro insaziabile ambizione e avarizia. Le tesi erano false, ma la causa dei gesuiti ne usciva danneggiata.

In Francia il Parlamento di Parigi, con il suo retroterra fortemente alto-borghese e le simpatie gianseniste, diede il via alla pressione per ottenere l'espulsione dei gesuiti nella primavera del 1761 e pubblicò estratti dagli scritti gesuiti, gli Extraits des assertions che, mutilati e presi fuori del loro contesto, fornirono munizioni per gli anti-gesuiti. Anche se una congregazione di vescovi riuniti a Parigi nel dicembre 1761 raccomandò di non intraprendere azioni, Luigi XV promulgò un ordine reale che permetteva alla Compagnia di Gesù di restare nel regno, a patto che certi cambiamenti essenzialmente liberalizzanti all'interno dell'istituzione soddisfacessero il Parlamento, con un vicario-generale dei Gesuiti francesi che doveva essere indipendente dal Generale a Roma. All'arrêt del 2 agosto 1762, con il quale il Parlamento soppresse i gesuiti in Francia, imponendo condizioni inaccettabili, Clemente replicò con una protesta contro l'invasione dei diritti della Chiesa e annullò l'arrêt. I ministri di Luigi XV non potevano permettere una tale abrogazione della legge francese e Luigi infine espulse i gesuiti nel novembre 1764.

Nel problema della Compagnia di Gesù si inserì anche le dispute tra i governi europei e la Santa Sede sorti dopo la messa all'indice del catechisomo di François-Philippe Mésenguy.

Clemente appoggiò caldamente l'ordine con una Bolla Pontificia, l'Apostolicum Pascendi del 7 gennaio 1765, che respingeva le critiche ai gesuiti come calunnie e lodava l'utilità dell'ordine. Questa venne ignorata ampiamente: entro il 1768 i gesuiti erano stati espulsi dalla Francia, dalle Due Sicilie e dal ducato di Parma. In Spagna sembrarono essere al sicuro, ma Carlo III, conscio delle logoranti contese della Francia borbonica, decise per la prevenzione. La notte tra il 2 e il 3 aprile 1767, tutte le case dei gesuiti in Spagna vennero circondate, gli occupanti arrestati e imbarcati con i vestiti che avevano addosso, su navi dirette a Civitavecchia. La lettera del Re a Clemente XIII prometteva che la sua indennità di 100 piastre pro capite all'anno sarebbe stata ritirata a tutto l'Ordine, se chiunque di essi avesse osato scrivere qualcosa a propria difesa o criticando i motivi dell'espulsione, motivi che egli si rifiutò di discutere, sia al momento che in futuro.

Più o meno lo stesso destino li attendeva nei territori borbonici del duca di Parma e Piacenza, consigliato dal ministro liberale Guillaume du Tillot. Nel 1768 Clemente emise una forte protesta (Monitorium) contro la politica del governo parmense. La questione dell'investitura di Parma arrivò ad aggravare i problemi di Clemente. I re borbonici presero le parti dei loro parenti, prendendo Avignone, Benevento e Pontecorvo e unendosi in una richiesta perentoria per la soppressione totale dei gesuiti (gennaio 1769). Portato agli estremi, Clemente acconsentì a convocare un concistoro per considerare le mosse da fare, ma alla vigilia del giorno stabilito per l'incontro morì (2 febbraio 1769), non senza sospetti di avvelenamento (del quale, comunque, non esistono prove).

Dal Registro Annuale, del 1758:

« Clemente XIII fu "l'uomo più onesto del mondo; un ecclesiastico esemplare; dai valori più puri: devoto, saldo, istruito, diligente" »

Opere

Encicliche

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Elenco delle encicliche#Clemente XIII (1758-1769)

Papa Clemente XIII scrisse 6 encicliche tra il 1758 e il 1768.

Onorificenze

Gran Maestro dell'Ordine Supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Supremo del Cristo

Concistori tenuti da Clemente XIII per la creazione di nuovi cardinali

Concistoro dell'11 settembre 1758

Cardinale riservato "in pectore"[1]:

  1. (1) Carlo Rezzonico juniore, nipote di Sua Santità, Segretario dei Memoriali († 26 gennaio 1799).

Concistoro del 2 ottobre 1758

  1. (2) Antonio Maria Priuli, vescovo di Vicenza († 26 ottobre 1772);
  2. (3) François-Joachim de Pierres de Bernis, canonico del capitolo della cattedrale metropolitana di Lione

(† 3 novembre 1794).

Concistoro del 24 settembre 1759

  1. (4) Ferdinando Maria de Rossi, patriarca titolare di Costantinopoli dei Latini, vicegerente di Roma († 4 febbraio 1775);
  2. (5) Ignazio Michele Crivelli, arcivescovo titolare di Cesarea di Cappadocia, nunzio apostolico in Austria († 29 febbraio 1768);
  3. (6) Ludovico Merlini, arcivescovo titolare di Atene, delegato apostolico di Urbino († 12 novembre 1762);
  4. (7) Filippo Acciaiuoli, arcivescovo titolare di Petra, nunzio apostolico in Portogallo († 24 o 4 luglio 1766);
  5. (8) Luigi Gualterio, arcivescovo titolare di Mira, nunzio apostolico in Francia († 24 luglio 1761);
  6. (9) Girolamo Spinola, arcivescovo titolare di Laodicea di Frigia, nunzio apostolico in Spagna († 22 luglio 1784);
  7. (10) Antonio Maria Erba-Odescalchi, arcivescovo titolare di Nicea Prefetto del Palazzo Apostolico († 28 marzo 1762);
  8. (11) Sante Veronese, vescovo di Padova († 1º febbraio 1767);
  9. (12) Ludovico Valenti, vescovo di Rimini assessore Congregazione della Romana e Universale Inquisizione († 18 ottobre 1763);
  10. (13) Giuseppe Maria Castelli, tesoriere generale della Camera Apostolica commendatario dell'Arcispedale di Santo Spirito in Saxia († 9 aprile 1780);
  11. (14) Pietro Francesco Bussi, decano dei revisori delle cause presso il Palazzo Apostolico († 10 settembre 1765);
  12. (15) Gaetano Fantuzzi Gottifredi revisore delle cause presso il Palazzo Apostolico († 1º ottobre 1778);
  13. (16) Giuseppe Agostino Orsi, O.P., Maestro del sacro palazzo apostolico († 13 giugno 1761);
  14. (17) Pietro Girolamo Guglielmi segretario della S. C. Congregazione per i Vescovi e i Regolari († 15 novembre 1773);
  15. (18) Giuseppe Alessandro Furietti, segretario della S.C. del Concilio († 14 gennaio 1764);
  16. (19) Pietro Paolo de Conti, segretario della S.C. del buon governo († 14 dicembre 1770);
  17. (20) Nicolò Maria Antonelli, segretario della S.C. de Propaganda Fide († 25 settembre 1767);
  18. (21) Lorenzo Giovanni Vincenzo Antonio Ganganelli, O.F.M. Conv., consultore della Sacra Congregazione della Romana e Universale Inquisizione eletto papa con il nome di Clemente XIV il 19 maggio 1769 († 22 settembre 1774);
  19. (22) Giovanni Costanzo Caracciolo, uditore generale presso la Camera Apostolica († 22 dicembre 1780);
  20. (23) Nicola Perrelli, tesoriere generale della Camera Apostolica († 24 febbraio 1772);
  21. (24) Marcantonio Colonna juniore, Prefetto dei sacri palazzi apostolici († 4 dicembre 1793);
  22. (25) Andrea Corsini, protonotario apostolico pronipote di papa Clemente XII († 18 gennaio 1795).

Concistoro del 23 novembre 1761

  1. (26) Buenaventura de Córdoba Espínola de la Cerda , patriarca delle Indie Occidentali († 6 maggio 1777);
  2. (27) Christoph Anton von Migazzi von Waal und Sonnenthurn, arcivescovo di Vienna († 14 aprile 1803);
  3. (28) Antoine Clériadus de Choiseul de Beaupré, arcivescovo di Besançon (Francia) († 7 gennaio 1774);
  4. (29) Jean-François-Joseph de Rochechouart de Faudoas, vescovo di Laon (Francia)(† 20 marzo 1777);
  5. (30) Franz Christoph von Hutten zu Stolzenfels, vescovo di Spira (Germania) († 20 aprile 1770);
  6. (31) Enrichetto Virginio Raffale Francesco Natta, O.P., vescovo di Alba († 29 giugno 1768);
  7. (32) Giovanni Molin, vescovo di Brescia († 14 marzo 1773);
  8. (33) Louis-César-Constantin de Rohan-Guéménée-Montbazon, principe vescovo di Strasburgo († 11 marzo 1779);
  9. (34) Baldassarre Cenci juniore canonico della Basilica di San Pietro, segretario della Consulta († 2 marzo 1763);
  10. (35) Cornelio Caprara, governatore di Roma e vice-camerlengo di Santa Romana Chiesa († 5 aprile 1765).

Concistoro del 18 luglio 1763

  1. (36) Simone Buonaccorsi, votante del Tribunale della Segnatura Apostolica di Grazia, segretario della S.C. dei Vescovi e dei Regolari († 27 aprile 1776);
  2. (37) Andrea Negroni, protonotario apostolico, uditore dei Tribunali della Segnatura Apostolica († 17 gennaio 1789).

Concistoro del 21 luglio 1766

  1. (38) Giovanni Ottavio Bufalini, arcivescovo titolare di Calcedonia, Prefetto del Palazzo Apostolico († 3 agosto 1782);
  2. (39) Giovanni Carlo Boschi, arcivescovo titolare di Atene, Prefetto del Palazzo Apostolico († 6 settembre 1788).

Concistoro del 26 settembre 1766

  1. (40) Ludovico Calini, patriarca titolare di Antiochia dei Latini precettore dell'Arcispedale di Santo Spirito in Saxia († 9 dicembre 1782);
  2. (41) Niccolò Serra, arcivescovo titolare di Mitilene, uditore generale presso la Camera Apostolica († 14 dicembre 1767);
  3. (42) Niccolò Oddi, S.J., arcivescovo di Ravenna († 25 maggio 1767);
  4. (43) Antonio Branciforte Colonna, arcivescovo titolare di Tessalonica, governatore di Urbino († 31 luglio 1786);
  5. (44) Lazzaro Opizio Pallavicino, arcivescovo titolare di Lepanto, Nunzio apostolico in Spagna († 23 febbraio 1785);
  6. (45) Vitaliano Borromeo, Arcivescovo titolare di Tebe, nunzio apostolico in Austria († 7 giugno 1793);
  7. (46) Pietro Colonna Pamphili, arcivescovo titolare di Colossi, nunzio apostolico in Francia († 4 dicembre 1780);
  8. (47) Giuseppe Simonetti, arcivescovo titolare di Petra, segretario della S.C. dei Vescovi e dei Regolari († 4 gennaio 1767);
  9. (48) Urbano Paracciani Rutili, arcivescovo di Fermo († 2 gennaio 1777);
  10. (49) Filippo Maria Pirelli, arcivescovo titolare di Damasco, segretario della S.C. del Concilio († 10 gennaio 1771);
  11. (50) Enea Silvio Piccolomini Rustichini, Governatore di Roma e vice-camerlengo di Santa Romana Chiesa († 18 novembre 1768);
  12. (51) Saverio Canali, tesoriere generale della Camera Apostolica († 20 marzo 1773);
  13. (52) Benedetto Veterani, assessore della Sacra Congregazione della Romana e Universale Inquisizione († 12 agosto 1776).

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Abate commendatario di Summaga Successore: Prepozyt.png
Giovanni Alberto Badoer 17 maggio 1714-6 luglio 1758 Carlo Rezzonico juniore I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Alberto Badoer {{{data}}} Carlo Rezzonico juniore
Predecessore: Cardinale diacono di San Nicola in Carcere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Banchieri 27 gennaio 1738-15 maggio 1747 Mario Bolognetti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Banchieri {{{data}}} Mario Bolognetti
Predecessore: Prefetto dell'Economia della Congregazione di Propaganda Fide Successore: Emblem Holy See.svg
? 17 dicembre 1740-11 marzo 1743 Prospero Colonna di Sciarra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} Prospero Colonna di Sciarra
Predecessore: Vescovo di Padova Successore: BishopCoA PioM.svg
Giovanni Minotto Ottoboni 11 marzo 1743-6 luglio 1758 Sante Veronese I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Minotto Ottoboni {{{data}}} Sante Veronese
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Ara Coeli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Leopoldo Calcagnini 15 maggio 1747-17 febbraio 1755 Luigi Mattei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Leopoldo Calcagnini {{{data}}} Luigi Mattei
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marco Successore: CardinalCoA PioM.svg
Angelo Maria Querini, O.S.B. 17 febbraio 1755-6 luglio 1758 Daniele Dolfin I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Angelo Maria Querini, O.S.B. {{{data}}} Daniele Dolfin
Predecessore: Papa Successore: Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Benedetto XIV 6 luglio 1758 - 2 febbraio 1769 Papa Clemente XIV I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Papa Benedetto XIV {{{data}}} Papa Clemente XIV
Note
  1. pubblicato nel concistoro del 2 ottobre 1758
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni